Nivio Sanchini

Il Teatro dei Ragazzi creato da Nivio Sanchini non è disgiunto dal concetto di Teatro per Adulti che Sanchini faceva. Certamente le fiabe teatrali per i più giovani non sempre possono essere creazioni elevate nei loro contenuti, ma sicuramente sono ricche di poetiche attrattive teatrali.

Il Maestro Sanchini formava i suoi allievi con un metodo da lui chiamato “rigorista”. Lui diceva “L’attore rigorista è un individuo superiore perché si è emancipato da tutti i pregiudizi politici, economici e sociali. Ha oltrepassato le tre influenze che legano l’uomo alla vita materiale. Si è liberato dagli abusi, si è dato spontaneamente una vita morale , una vita materiale povera, in uno stato di equilibrio dove la sobrietà si riverbera silenziosamente nella quiete dello spazio.


Non dà molta importanza alle attività interessate o ai doveri prescritti sui quali invece l’uomo comune deve regolare la propria vita. L’attore rigorista deve essere un puro devoto, pienamente assorto nel servizio che compie.

Talvolta sembra agire contro i doveri stabiliti ma in realtà non è così. Neanche l’uomo più intelligente può capire i piani e le attività di un puro artista. Esso è sempre impegnato nel servizio di devozione, sempre assorto nella ricerca.

Il puro artista deve essere visto come una persona perfettamente liberata nel presente e nel futuro, esso deve raggiungere ciò che è al di là dei sensi. Pertanto l’educazione all’arte implica toccare il mondo con tenerezza, attenzione, rispetto.

L’attore Rigorista, inoltre, è al di là di tutte le critiche d’ordine materialistico agisce senza un interesse personale, senza desiderare un profitto per sé o per coloro che gli sono cari.

La perfezione consisterà dunque nell’agire in coscienza e non nel cercare di godere dei frutti dell’azione. Agire in coscienza è il dovere di tutti gli esseri. Come un organo del corpo umano non funziona per sé stesso ma per il corpo intero, così l’artista non deve agire per la propria soddisfazione ma per quella del tutto completo. La persona è in comunione con l’universo tanto che nulla accade che non subisca ripercussioni nella nostra coscienza.

Queste piccole percezioni – riteniamo – sono la sostanza stessa dei sentimenti.”

Questo è quanto il Maestro diceva ai suoi allievi.

Il Teatro dei Ragazzi quindi vive sulla scia di quanto il Maestro Sanchini ha costruito con i propri allievi, che nel tempo si sono succeduti, in tanti anni di attività. Ora il teatro dei ragazzi vive grazie alle attrici Loredana Farinelli e Caterina Profili che sono state vicine al Maestro Sanchini per circa 20 anni e che hanno vissuto con lui l’ultimo periodo della sua vita.

I suoi testi teatrali, tutto il repertorio delle fiabe del teatro dei ragazzi, sono tutte perle preziose, noi riteniamo, e con le sue regie, le attrici Loredana e Caterina portano il teatro “Rigorista” in ogni dove , non dimenticando lo spirito del Maestro.